Sostienici

Siamo un'Associazione di Volontariato Onlus, quindi la maggior parte dei nostri fondi deriva dalle donazioni, che utilizziamo per la realizzazione delle attività con i ragazzi, ma anche per venire incontro alle piccole spese per la partecipazione alle uscite che alcuni non possono sostenere autonomamente per vari motivi.

Per questo abbiamo bisogno anche del tuo aiuto, che per noi è importantissimo. Puoi aiutarci nei seguenti modi:

Cinque per mille (5x1000)

Nella tua dichiarazione dei redditi inserendo il nostro codice fiscale nella apposita casella e firmando sotto.

A te non costa niente, ma per noi è un aiuto preziosissimo!

Codice Fiscale 91093810934

Donazione (erogazione liberale)

Effettuando una donazione tramite bonifico bancario intestato a

Associazione AttivaMente Montagna Onlus – Via A. Gemelli – Pordenone

IBAN IT47J0533612502000030362129

BIC BPPNIT2P033

Banca Popolare Friuladria SpA – Filiale 033 di Pordenone

Ricordiamo che le erogazioni liberali (donazioni) fatte con mezzi tracciabili (bonifico, assegno e carte credito) a favore di una ONLUS godono delle seguenti agevolazioni fiscali:


Agevolazioni fiscali per erogazioni alle Onlus

Le agevolazioni fiscali previste per chi effettua erogazioni liberali a favore delle ONLUS, si distinguono a seconda di chi le ha effettuate (persona fisica o impresa). I contribuenti sia persone fisiche che enti soggetti all'imposta sul reddito delle società che intendono effettuare erogazioni liberali nei confronti delle ONLUS potranno scegliere alternativamente tra le due agevolazioni.

Agevolazioni sulle erogazioni liberali delle PERSONE FISICHE

In questa categoria rientrano le persone fisiche, gli imprenditori individuali, i lavoratori autonomi e i soci delle società di persone. Essi possono optare alternativamente tra:

  • la deducibilità, per le liberalità in denaro o in natura, nel limite del 10% del reddito complessivo dichiarato, e comunque nella misura massima di 70.000 € annui (art. 14 comma 1 D.L. n. 35/2005 e successive modificazioni (L. 80/2005).
  • la detrazione dall’Irpef del 26% calcolata sul limite massimo di 30.000 euro per un risparmio fino a 7.800 euro (fino al 2014 il limite era di 2.065,83 euro). Nel calcolo dei 30.000 euro sono compresi anche gli importi per le erogazioni liberali in denaro, a favore delle popolazioni colpite da calamità pubbliche o da altri eventi straordinari.

In entrambi i casi la condizione necessaria per accedere all’agevolazione è che il versamento sia eseguito tramite banca o ufficio postale ovvero mediante assegni bancari e circolari. Per le erogazioni effettuate con carta di credito è sufficiente la tenuta e l’esibizione, in caso di eventuale richiesta dell’amministrazione finanziaria, dell’estratto conto della società che gestisce la carta.

Agevolazioni sulle erogazioni liberali delle IMPRESE

In questa categoria rientrano le società di capitali o cooperative o consorzi od enti di diverso tipo, pubblico o privato, che abbiano per oggetto esclusivo o principale l’esercizio di attività commerciali (cioè uno degli altri soggetti passivi dell’Ires). Questi contribuenti possono optare alternativamente tra:

  • la deducibilità, per le liberalità in denaro o in natura, nel limite del 10% del reddito complessivo dichiarato, e comunque nella misura massima di 70.000 € annui (art. 14 comma 1 D.L. n. 35/2005 e successive modificazioni (L. 80/2005).
  • la deduzione dal reddito imponibile Ires del 2% del reddito d’impresa dichiarato per un importo massimo di 30.000 euro (comma 2 lettera h, art 100 tuir).

Fonte e maggiori informazioni su: FiscoeTasse.com